La cantina

“…acquisti la consapevolezza di ripetere un rito ormai consacrato da secoli, quasi un atto religioso, in cui da una materia imperfetta ottieni l’essenza, l’usia, lo spirito, ed in primo luogo l’alcool, che rallegra l’animo e riscalda il cuore…
(Primo Levi, "Il sistema Periodico")

Il vino è agricoltura, è poesia, è storia, è arte, è magia.
È il risultato di un processo prodigioso, gestito da un alchimista, l’enologo, che dalla materia prima trae l’oro. Il vino è innanzitutto un prodotto chimico (non esiste il vino naturale) il cui risultato nasce da una complessa serie di fattori, dal vitigno al terroir.

Non solo. I territori in zone di grande tradizione enologica, come l’Italia, sono segnati da valori culturali, artistici, umani ed organizzativi. Il vitigno viene trattato, in vigneto e in cantina, con tecniche particolari e specifiche, capaci di valorizzarlo. Vengono trattati con altrettanta cura e attenzione anche quegli abbinamenti in grado di esaltarne le specificità.